Skip to content
Area Riservata
Area Riservata

VACCINI tutte le risposte ai nostri dubbi

VACCINI tutte le risposte ai nostri dubbi

Con la collaborazione dell’Istituto Superiore di Sanità

Dubbio # 1
Sicurezza

Il vaccino non è sicuro «perché è sperimentale». E poi non funziona perché «non protegge» da infezioni e ricoveri. E poi le varianti non si fermano e anzi si moltiplicano e diventano più pericolose «per colpa dei vaccinati»

Ecco alcuni delle “bufale” più ricorrenti che ricorrono anche tra i quesiti e i dubbi espressi quotidianamente in farmacia. Di seguito le risposte messe a punto grazie alla consulenza e alla collaborazione dell’Istituto Superiore di Sanità che ogni settimana pubblica un ampio report sull’epidemia e l’efficacia dei vaccini.

__

Dubbio # 2
Obbligo vaccinale

«Se il vaccino sarà obbligatorio io non firmo nulla, anzi ci andrò con un avvocato perché il medico che mi inoculerà il siero si deve prendere tutta la responsabilità che non avrò nessuna reazione avversa, e che non infetterò e non verrò infettata. Solo dopo farò il vaccino»

Nessun vaccino è efficace al 100%. Quelli contro il Covid al momento hanno mostrato un’efficacia di circa l’80% nel prevenire l’infezione, e ancora più alta contro gli effetti più gravi della malattia. La vaccinazione è un atto medico, e prevede quindi la firma di un consenso informato per essere sicuri che il vaccinando abbia ricevuto una informazione sui benefici e rischi connessi. Il rifiuto della vaccinazione potrebbe anche prevedere un dissenso informato, ma ovviamente rimarranno le sanzioni relative previste dall’obbligo. Il rischio di reazioni avverse è sempre presente per qualunque farmaco ma il bilancio tra i benefici e i rischi deve essere sempre a favore dei benefici e questa valutazione viene fatta dalle istituzioni competenti che preparano le strategie vaccinali.

__

Dubbio # 3
I vaccinati

«I vaccinati di questi vaccini di nome ma non di fatto contro Covid-19 contagiano e possono essere contagiati, inoltre, se sviluppano la patologia ADE diventano super diffusori»

È possibile che un vaccinato si contagi perché, come per tutti i vaccini esistenti, l’efficacia anche se molto alta non è del 100%, e ci possono essere quindi i cosiddetti “fallimenti vaccinali”. Inoltre anche un soggetto che risponde al vaccino si può ritenere immunizzato solo dopo almeno una settimana dal completamento del ciclo. Un livello di copertura della popolazione alto minimizza il rischio di trasmissione tra individui suscettibili all’infezione. I dati provenienti dai Paesi con una campagna vaccinale avanzata, Italia compresa, hanno dimostrato che il vaccino protegge dalle conseguenze peggiori della malattia, dal ricovero al decesso, oltre 9 persone ogni 10 vaccinate. La vaccinazione riduce anche la capacità di infettare dei vaccinati. Non ci sono evidenze scientifiche di una associazione tra la vaccinazione COVID-19 e la sindrome ADE (Antibody-dependent enhancement) e conseguentemente che una ADE sia correlata a una capacità maggiore di diffusione del virus.

Foto e illustrazioni © Depositphotos.com

Abbiamo tanto da condividere con te, iscriviti alla nostra newsletter!

Suggerimenti, trend, offerte, approfondimenti e molto altro: per te o per la tua farmacia.